21 settembre 2017 - Lavoratori autonomi impatriati: detassati solo dal 201719 settembre 2017 - Fondo di solidarietà settore trasporto aereo - Indicazioni Inps12 settembre 2017 - Aspettativa per incarichi politici o sindacali: chiarimenti Inps per l'accredito dei contributi figurativi05 settembre 2017 - Ape volontaria - firmato il DPCM31 agosto 2017 - Fondo assistenza disabili gravi: ripartite tra le regioni le risorse per il 201725 agosto 2017 - Italia e Barbados: pubblicata la legge di ratifica della convenzione sulla doppia imposizione

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Superamento periodo di comporto e tempestività del licenziamento
17
lug
2017

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 27 giugno 2017, n. 15973, ha stabilito che per il licenziamento dovuto al superamento del periodo di comporto il requisito della tempestività non consiste in un dato cronologico fisso e predeterminato, ma deve essere oggetto di una valutazione di congruità riferita al singolo caso concreto.

Spetta al lavoratore provare che il lasso temporale intervenuto tra il superamento del periodo di comporto e la comunicazione di recesso trasmessa dal datore di lavoro, vìola i limiti di adeguatezza e ragionevolezza, tanto da ritenere che è fondato e legittimo riscontrare una volontà tacita del datore di lavoro di rinunciare alla facoltà di recedere dal rapporto