21 settembre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 201817 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’ 02 luglio 2018 - 31 luglio 2018: scade il CCNL Commercio Confcommercio

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Superamento periodo di comporto e tempestività del licenziamento
17
lug
2017

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 27 giugno 2017, n. 15973, ha stabilito che per il licenziamento dovuto al superamento del periodo di comporto il requisito della tempestività non consiste in un dato cronologico fisso e predeterminato, ma deve essere oggetto di una valutazione di congruità riferita al singolo caso concreto.

Spetta al lavoratore provare che il lasso temporale intervenuto tra il superamento del periodo di comporto e la comunicazione di recesso trasmessa dal datore di lavoro, vìola i limiti di adeguatezza e ragionevolezza, tanto da ritenere che è fondato e legittimo riscontrare una volontà tacita del datore di lavoro di rinunciare alla facoltà di recedere dal rapporto