14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti – Riconoscimento ai fini della pensione anticipata
30
apr
2019

Entro il 1° maggio 2019 dovrà essere presentato il modello ‘AP45’ affinché sia riconosciuto lo svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti da parte di lavoratori che nel corso del 2020 matureranno i requisiti per l’accesso al trattamento di pensione anticipata.

 

Con messaggio 29 aprile 2019, n. 1660, l’INPS ha fornito istruzioni circa la presentazione della domanda di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti (D.Lgs. 21 aprile 2011, n. 67) con riferimento a soggetti che perfezioneranno i requisiti per il pensionamento tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2020. Detta domanda deve essere presentata mediante il modello ‘AP45’ entro il 1° maggio 2019.

 

Sono compresi nell’ambito di applicazione della disciplina in esame i lavoratori:

-        tenuti a svolgere mansioni particolarmente usuranti, addetti in ‘linea catena’ e conducenti di autoveicoli adibiti al servizio pubblico di trasporto collettivo;

-        notturni per l’intero anno lavorativo;

-        notturni a turni. L’ordinamento distingue tre distinte categorie di lavoratori notturni a turni e, in relazione a ciascuna di esse, contempla distinti requisiti di pensionamento anticipato. Trattasi di lavoratori impiegati in attività di lavoro notturno i) per almeno 78 giorni all’anno, ii) per un numero di giorni compreso tra 64 e 71 all’anno o iii) per un numero di giorni lavorativi compreso tra 72 e 77 all’anno.

 

L’accoglimento della domanda presentata per via telematica successivamente al 1° maggio 2019 comporta il differimento del trattamento pensionistico anticipato pari a un mese, due mesi o tre mesi laddove il ritardo sia rispettivamente inferiore o pari ad un mese, superiore ad un mese e inferiore a tre mesi o superiore a tre mesi.

 

Sarà cura dell’Istituto comunicare al lavoratore interessato il rigetto della domanda o l’accoglimento della stessa, indicando, in tal caso, la prima decorrenza utile per la pensione anticipata. Tale indicazione è comunicata con riserva, poiché il diritto alla pensione anticipata può maturare solo alla luce dell’accertamento dell’effettivo perfezionamento dei requisiti di età anagrafica e di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2020.

 

Ovviamente, il trattamento di pensione anticipato potrò essere riconosciuto solo a fronte della domanda di pensionamento, ‘il cui accoglimento è subordinato alla sussistenza di ogni altra condizione di legge’.