04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo 02 marzo 2021 - DPCM 2 marzo 2021: Nuove misure anti COVID-19 in vigore dal 6 marzo 202101 marzo 2021 - Inserirei Amministrazioni: solo SPID dal 1° marzo23 febbraio 2021 - Proroga divieto spostamento tra Regioni sino al 27 marzo - Comunicato stampa CdM19 febbraio 2021 - Fondo Nuove Competenze: l’ANPAL recepisce la proroga al 30 giugno 2021 e modifica i termini della fase istruttoria18 febbraio 2021 - Riforma IRPEF: preannunciate semplificazione e razionalizzazione del prelievo15 febbraio 2021 - Buoni pasto e smart working: l’Agenzia delle Entrate conferma l’esenzione fiscale12 febbraio 2021 - Nuovo Esonero contributivo in alternativa a trattamenti di integrazione salariale, primi chiarimenti INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Trasferimento di un lavoratore che assiste un familiare disabile per ordinarie esigenze aziendali - Illegittimità
18
gen
2021

Come noto, il datore di lavoro è tenuto ad adottare accomodamenti ragionevoli purchè non determinino oneri sproporzionati o eccessivi.

Detto principio generale – volto a garantire alle persone disabili, il godimento e l'esercizio di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali su base del principio di uguaglianza sostanziale – si desume non solo dalla normativa domestica ma anche dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia Europea, oltre che dalla Convenzione ONU e dalle direttive comunitarie intervenute in materia.

Il datore di lavoro non può quindi trasferire un lavoratore che assista un familiare disabile senza il suo consenso, tanto più se detto provvedimento è dettato da esigenze non straordinarie.