17 novembre 2017 - Whistleblowing: approvata definitivamente la proposta di legge15 novembre 2017 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di ottobre 201714 novembre 2017 - Assegno di natalità 2017 - DSU da presentare entro il 31 dicembre 201713 novembre 2017 - Controlli automatizzati: istituiti i codici tributo07 novembre 2017 - Distacco transnazionale - il Ministero aggiorna le faq27 ottobre 2017 - Edilizia: per l’iscrizione alle Casse edili è necessario il Durc

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Uso del telefono cellulare e patologie tumorali - confermato nesso causale
06
lug
2017

Il Tribunale di Firenze sezione lavoro, ha confermato il nesso causale tra la prolungata esposizione alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari di prima generazione e l'insorgenza di tumori a carico di lavoratori esposti a tali fonti.

Nel merito, ad avviso del Giudice la consulenza tecnica d'ufficio aveva comprovato che il lavoratore fosse stato esposto alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari per circa 2/3 ore al giorno e che, in ragione della localizzazione della patologia, nonché della durata dell'esposizione e dell'assenza di altre concause, potesse ritenersi provata l'esistenza del nesso di causalità tra la patologia e l'esposizione alle fonti nocive, e ciò attraverso un giudizio di ragionevole probabilità medico-scientifica.

Il Giudice ha pertanto condannato l'Inail al pagamento in favore del lavoratore dell'indennizzo da rendita per inabilità permanente di cui all'articolo 13 del dlgs 38/2000, oltre al pagamento delle spese processuali.