14 agosto 2019 - FONDO EST: proroga del versamento di Agosto25 luglio 2019 - CCNL Dirigenti commercio: prorogata la scadenza al 31 dicembre 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto19 giugno 2019 - Ccnl Terziario: scadenza prorogata a dicembre 201918 giugno 2019 - CCNL Metalmeccanica – piccola e media industria (confapi): nuovi minimi retributivi da giugno 201915 luglio 2019 - Diritto dovere di istruzione e formazione: risorse finanziarie per Campania, Umbria e Veneto13 giugno 2019 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Luglio 2019

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Uso del telefono cellulare e patologie tumorali - confermato nesso causale
06
lug
2017

Il Tribunale di Firenze sezione lavoro, ha confermato il nesso causale tra la prolungata esposizione alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari di prima generazione e l'insorgenza di tumori a carico di lavoratori esposti a tali fonti.

Nel merito, ad avviso del Giudice la consulenza tecnica d'ufficio aveva comprovato che il lavoratore fosse stato esposto alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari per circa 2/3 ore al giorno e che, in ragione della localizzazione della patologia, nonché della durata dell'esposizione e dell'assenza di altre concause, potesse ritenersi provata l'esistenza del nesso di causalità tra la patologia e l'esposizione alle fonti nocive, e ciò attraverso un giudizio di ragionevole probabilità medico-scientifica.

Il Giudice ha pertanto condannato l'Inail al pagamento in favore del lavoratore dell'indennizzo da rendita per inabilità permanente di cui all'articolo 13 del dlgs 38/2000, oltre al pagamento delle spese processuali.