09 novembre 2018 - Rottamazione-ter: disponibili i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate05 novembre 2018 - Agenzia delle Entrate-Riscossione: attivo il servizio "SALTA FILA" per i contribuenti26 ottobre 2018 - TFR: aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Settembre 201826 ottobre 2018 - Apprendistato duale: accordo della Regione Veneto per artigianato e PMI17 settembre 2018 - Crollo ponte Morandi: il MEF sospende gli adempimenti tributari06 settembre 2018 - Privacy: pubblicato in GU il decreto attuativo del GDPR24 agosto 2018 - Ministero del lavoro: rivalutate le prestazioni economiche per danno biologico da Luglio 201821 agosto 2018 - INAIL: rivalutazione dell'assegno di incollocabilità dal 1°Luglio 201803 agosto 2018 - INL/Regione Lazio: sottoscritto un protocollo su monitoraggio e verifica dei tirocini25 luglio 2018 - Applicabilità ai lavoratori autonomi del principio di ‘sterilizzazione’ dei contributi ‘dannosi’

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Uso del telefono cellulare e patologie tumorali - confermato nesso causale
06
lug
2017

Il Tribunale di Firenze sezione lavoro, ha confermato il nesso causale tra la prolungata esposizione alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari di prima generazione e l'insorgenza di tumori a carico di lavoratori esposti a tali fonti.

Nel merito, ad avviso del Giudice la consulenza tecnica d'ufficio aveva comprovato che il lavoratore fosse stato esposto alle onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari per circa 2/3 ore al giorno e che, in ragione della localizzazione della patologia, nonché della durata dell'esposizione e dell'assenza di altre concause, potesse ritenersi provata l'esistenza del nesso di causalità tra la patologia e l'esposizione alle fonti nocive, e ciò attraverso un giudizio di ragionevole probabilità medico-scientifica.

Il Giudice ha pertanto condannato l'Inail al pagamento in favore del lavoratore dell'indennizzo da rendita per inabilità permanente di cui all'articolo 13 del dlgs 38/2000, oltre al pagamento delle spese processuali.