04 marzo 2021 - Assegno di natalità: domande dal 3 marzo 02 marzo 2021 - DPCM 2 marzo 2021: Nuove misure anti COVID-19 in vigore dal 6 marzo 202101 marzo 2021 - Inserirei Amministrazioni: solo SPID dal 1° marzo23 febbraio 2021 - Proroga divieto spostamento tra Regioni sino al 27 marzo - Comunicato stampa CdM19 febbraio 2021 - Fondo Nuove Competenze: l’ANPAL recepisce la proroga al 30 giugno 2021 e modifica i termini della fase istruttoria18 febbraio 2021 - Riforma IRPEF: preannunciate semplificazione e razionalizzazione del prelievo15 febbraio 2021 - Buoni pasto e smart working: l’Agenzia delle Entrate conferma l’esenzione fiscale12 febbraio 2021 - Nuovo Esonero contributivo in alternativa a trattamenti di integrazione salariale, primi chiarimenti INPS

POSTATO DA Arlati Ghislandi
Verifica dell’inquadramento del lavoratore – Procedimento
17
feb
2021

Il procedimento logico giuridico mediante il quale il Giudice procede alla corretta determinazione dell’inquadramento del lavoratore subordinato si articola in tre distinte fasi, di seguito elencate:

1)    accertamento delle attività lavorative che il lavoratore subordinato ha concretamente svolto;

2)    individuazione delle qualifiche e dei gradi previsti dal contratto collettivo nazionale di lavoro applicabile nel caso concreto;

3)    comparazione tra il risultato della prima indagine con il testo della normativa contrattuale o individuato nella seconda.

Sebbene ai fini della determinazione dell’inquadramento del lavoratore non sia possibile prescindere dall’analisi di detti criteri, il giudice non deve attenersi pedissequamente alla sequenza fissata dal detto schema procedimentale, ove risulti che ciascuno dei momenti di accertamento, di ricognizione e di valutazione abbia trovato concreto ingresso nel ragionamento decisorio, concorrendo a stabilirne le conclusioni.

 

Non ha rilievo alcuno che il Giudice ometta di far riferimento ai profili professionali corrispondenti alla declaratoria contrattuale relativa al livello rivendicato, data la loro natura esemplificativa.

 

(Corte di Cassazione, ordinanza 8 febbraio 2021, n. 2972)